Funiculì funiculà

La canzone fu scritta dal giornalista Peppino Turco e fu musicata da Luigi Denza nel lontano 1880. L’evento che ne ispirò la nascita fu l’inaugurazione della prima funicolare del Vesuvio, e servì ad avvicinare i turisti e gli stessi napoletani alla funicolare. Gli autori impiegarono solo poche ore per comporre Funiculì funiculà, ciononostante  la canzone ottenne un successo strepitoso. La celebre melodia fu cantata per la prima volta nei saloni dell’Albergo Quisisana di Castellammare di Stabia. Turco e Denza ebbero l’occasione di presentarla alla festa di Piedigrotta dello stesso anno, e la canzone risultò essere la più cantata ed ottenne il risultato sperato. Il successo riscosso contribuì a diffondere la canzone napoletana nel mondo, ed a richiamare flotte di turisti da ogni parte del pianeta.

Peppino Turco nacque a Napoli il 7 marzo 1846 e ivi morì il 14 Ottobre 1903. Poeta, giornalista, autore di molte delle più belle e famose canzoni napoletane. Fu direttore del Capitan Fracassa e del Padre Rocco. Le sue canzoni hanno fatto il giro del mondo, e ancora oggi sono cantata dai più importanti cantanti napoletani e stranieri.

Luigi Denza nacque il 24 Febbraio 1846 a Castellemmare di Stabia e morì a Londra il 27 Gennaio 1922. Fu avviato agli studi musicali nel conservatorio napoletano di San Pietro a Majella ed ebbe per maestri Paolo Serrao e Saverio Mercadante. Divenne professore di canto nello stesso Conservatorio napoletano. Nel 1879 emigrò a Londra, dove fu condirettore della London Academy of Music sino al 1898, indi professore di canto alla Royal Academy of Music, cattedra che tenne sino alla morte.

Testo originale in dialetto napoletano

Aieressera, oi' ne', me ne sagliette,
tu saie addo'?
Addo' 'stu core 'ngrato cchiu' dispietto farme nun po'!
Addo' lo fuoco coce, ma si fuie
te lassa sta!
E nun te corre appriesso, nun te struie, 'ncielo a guarda'!...
Jammo 'ncoppa, jammo ja',
funiculi', funicula'!

Ne'... jammo da la terra a la montagna! no passo nc'e'!
Se vede Francia, Proceta e la Spagna...
Io veco a tte!
Tirato co la fune, ditto 'nfatto,
'ncielo se va..
Se va comm' 'a lu viento a l'intrasatto, gue', saglie sa'!
Jammo 'ncoppa, jammo ja',
funiculi', funicula'!

Se n' 'e' sagliuta, oi' ne', se n' 'e' sagliuta la capa già!
E' gghiuta, po' e' turnata, po' e' venuta...
sta sempe cca'!
La capa vota, vota, attuorno, attuorno,
attuorno a tte!
Sto core canta sempe
nu taluorno
Sposammo, oi' ne'!
Jammo 'ncoppa, jammo ja',
funiculi', funicula'!

Testo in lingua italiana

Ieri sera, Annina, me ne
salii,
tu sai dove?
Dove questo cuore ingrato non può farmi più dispetto
Dove il fuoco scotta, ma se fuggi
ti lascia stare!
E non ti rincorre, non ti stanca,
a guardare in cielo!...
Andiamo su, andiamo andiamo,
funiculi', funicula'!

Andiamo dalla terra alla montagna!
non c'è un passo!
Si vede Francia, Procida e la Spagna...
Io vedo te!
Tirati con la fune, detto e fatto,
in cielo si va..
Si va come il vento all'improvviso,
sali sali!
Andiamo su, andiamo andiamo,
funiculi', funicula'!

Se n'e' salita, Annina, se n'e'
salita la testa già!
E' andata, poi è tornata, poi è venuta...
sta sempre qua!
La testa gira, gira, intorno, intorno,
intorno a te!
Questo cuore canta sempre
un giorno
Sposami, Annina!
Andiamo su, andiamo andiamo,
funiculi', funicula'!

Articoli correlati:

20 Agosto 2006: Tutto il mondo sul Vesuvio con uno spot d’altri tempi
20 Agosto 2001: Funiculì, l’inizio di un’epoca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.